lunedì 31 dicembre 2012

SPEGNETE LA TV. INDOSSATE L'ELMETTO. BUON 2013!

Stasera festeggiate, per quanto vi e' possibile. Almeno in queste ultime ore dell'anno, non pensate ai problemi: pensarci non li risolve. Non dico di organizzare feste sfavillanti. Basta stare insieme con amici e parenti intorno ad una tavola, mangiando cose semplici ma genuine, bevendo del buon vino e stappando dello spumante, rigorosamente italiano.
Ma vi prego, non ascoltate il solito discorso di fine anno del Presidente, la solita litania, il solito requiem ad un Paese ormai in coma. Anzi, iniziate a disintossicarvi, a disabituarvi gradualmente all tv in genere, contenitore ipnotico gestito dalla solita casta di potere.
Anche lo scorso anno, io mi astenni dall'ascoltarlo. Frasi fatte, discorso di circostanza, auspici confezionati ad arte da chi e' stato il principale artefice di questo sfascio. Berlusconi andava defenestrato, ma i cittadini avevano il diritto di nominarsi un nuovo governo. Altro che spread. Uomo di sinistra, assai distante dalla povera gente che viene a fare il turista nella sua Napoli, la mia citta', senza esserne piu' cittadino.
Napolitano, in una notte, nomino' Monti senatore a vita, per poi concedergli la guida della Nazione. Napolitano, il Presidente da cui Monti si reco' per consegnare le sue dimisssioni, come fa un generale in armi al suo Re.
Con ogni probabilita', il Presidente della Repubblica, restera' artefice del destino del Paese, fino alla fine del suo mandato. Incerto, sara' l'esito delle prossime elezioni. Che fara' il Presidente? Ne prendera' atto, proponendo un'altra tornata elettorale, o chiamera' nuovamente Monti a guidare il Paese? La nostra Repubblica rimane Parlamentare solo sulla carta. Di fatto, il Presidente, negli ultimi anni, ne detta l'andamento istituzionale.
La sua figura poi, restera' per sempre coperta da un alone di mistero, circa la sua posizione in merito all'ipotetico accordo Stato-mafia. Abbiamo visto che in questo Paese, la Legge non e' uguale per tutti. Neanche le intercettazioni lo sono... Cosa gli disse di così rilevante, il Senatore Mancino? Cosa portera' con se per sempre in segreto?
L'anno che verra', sara' ancora piu' duro. Una cosa e' certa. In tanti non crederemo piu' agli imbonitori di turno. In tanti poi, saremo in grado di capire le operazioni di facciata che, per l'ennesima volta, ci stanno proponendo i partiti, veri e propri "fustini di detersivo" che cambiano l'involucro esterno, senza mutarne il contenuto.
Messo l'elmetto, predisposti alle ennesime rinunce, ai piu' svariati sacrifici, saremo pronti alla "guerra".

BUON 2013 A TUTTI!




4 commenti:

Nessie ha detto...

Consigli non dissimili dai miei, nella sostanza. Buon Anno e che crepi il Lupo. Anzi, i lupi mannari.

Angelo D'Amore ha detto...

Tanti auguri Nessie!

monica gigante ha detto...

Buon Anno, Angelo! Un abbraccio, Monica.

Angelo D'Amore ha detto...

Monica, Buon Anno anche a te!